I leader dell’economia blu sostengono il Bay Campus di URI – URI News

KINGSTON, RI – nov. 3, 2022 – La necessità di studenti di ingegneria oceanica e oceanografia dell’Università del Rhode Island non è mai stata così grande.

Man mano che nuove aziende si formano e prosperano nell’economia blu del Rhode Island e aumentano i finanziamenti del settore della difesa, ci sono molte opportunità per gli studenti di acquisire una preziosa esperienza pratica e reale durante l’iscrizione all’URI e un’occupazione retribuita quando si diplomano.

“Ricevo diverse richieste ogni settimana da aziende che cercano di assumere i nostri studenti a livello universitario e laureato”, ha affermato il professor James Miller, presidente del dipartimento di ingegneria oceanica dell’URI. “Alcune di queste aziende sono coinvolte nell’energia rinnovabile, compreso l’eolico offshore. Alcune di loro lavorano nella resilienza costiera, nell’ingegneria costiera, nella protezione delle coste o nella robotica. Altre hanno qualcosa a che fare con la difesa”.

L’ex allievo di ingegneria oceanica dell’URI Michael Rock (a sinistra) con Ian Estaphan Owen, co-fondatore e amministratore delegato di Jaia Robotics.

Mentre gli studenti che si laureano al programma di ingegneria oceanica sono molto ammirati, i leader del settore riconoscono anche il valore che strutture più recenti e aggiornate significheranno per l’economia del Rhode Island e per studenti e docenti che conducono ricerche presso il Narragansett Bay Campus dell’URI.

Se la domanda 1 viene approvata al ballottaggio di novembre, l’obbligazione di 100 milioni di dollari verrà utilizzata per apportare i miglioramenti necessari a diversi edifici del campus e per costruire un nuovo Ocean Engineering Complex e un edificio Ocean Frontiers che ospiterà nuove aule: scuola, ufficio e importante laboratorio . .

Guidare l’economia blu

“Se vogliamo incoraggiare più compagnie marittime a stabilirsi qui nel Rhode Island, abbiamo bisogno delle strutture per attrarre i migliori studenti e i migliori ricercatori”, ha affermato Matthew Zimmerman, direttore esecutivo principale di FarSounder, Inc. “Il Rhode Island ha una storia così forte nelle scienze e nella tecnologia marina. Facciamolo per aumentare la crescita economica e non lasciarla cadere nel dimenticatoio e sprecare l’opportunità”.

Jim Owens, preside della Difesa Nautilus

Zimmerman ha conseguito la laurea presso l’URI in ingegneria oceanica, francese e tedesca attraverso l’International Engineering Program. Ha contribuito a fondare FarSounder, specializzata in tecnologia sonar e sistemi di navigazione, nel 2001.

“Senza il dipartimento di ingegneria oceanica, non sarei uno dei suoi laureati e probabilmente non avrei avviato questa azienda a Rhode Island”, ha detto Zimmerman. “Quindi letteralmente, la mia azienda non sarebbe qui a Rhode Island se non fosse per le strutture di ingegneria oceanica presso l’URI Bay Campus”.

FarSounder ha sede a Warwick, ma ha clienti in tutto il mondo.

“La nostra base di clienti è globale, ma tutti i nostri prodotti sono progettati a Rhode Island, fabbricati negli Stati Uniti, con assemblaggio finale e test che si verificano a Rhode Island”, ha affermato Zimmerman. “Questi sono i tipi di lavori di ingegneria e produzione high-tech di cui il Rhode Island ha bisogno”.

Il professore di ingegneria oceanica dell’URI Brennan Phillips con i co-fondatori di Juice Robotics Christine deSilva e Matt Jewell.

Matthew Jewell è originario di Old Lyme, Connecticut. Dopo aver studiato alla Rhode Island School of Design, ha scoperto il programma di ingegneria oceanica presso l’URI. Il programma lo ha ispirato a formare Juice Robotics a Rhode Island nel 2013. L’azienda ha sede a Middletown.

“Sono stato attratto dall’URI a causa della forza del programma di ingegneria oceanica”, ha detto Jewell. “Come imprenditore, rimango qui a causa della vivace economia oceanica, in cui l’URI gioca un ruolo importante”.

Costruire una pipeline di talenti

Un’altra società di robotica con sede nel Rhode Island che ha beneficiato del programma di ingegneria oceanica di URI è Jaia Robotics, Inc., con sede a Newport.

“Il prestigioso programma di ingegneria oceanica di URI ci ha fornito un talento ingegneristico eccezionale”, ha affermato Ian Estaphan Owen, co-fondatore e amministratore delegato di Jaia Robotics. “Assumiamo studenti come stagisti e laureati in posizioni a tempo pieno per supportare lo sviluppo e la produzione dei nostri prodotti. La qualità degli ingegneri oceanici che abbiamo portato al nostro team da URI ha superato le nostre aspettative”.

Jaia Robotics è specializzata nello sviluppo di veicoli marini autonomi a basso costo, di dimensioni ridotte, utilizzati per raccogliere dati acquatici. Il CEO di Jaia ha fatto eco ai sentimenti di Zimmerman nel sostenere il Bay Campus.

“Costruire una capacità del Bay Campus di livello mondiale in grado di attirare i migliori studenti di ingegneria oceanica a Rhode Island e costruire una pipeline di talenti per l’industria della tecnologia blu a Rhode Island aiuterà la nostra economia a crescere e soddisfare le esigenze di questo settore in rapida crescita”, ha affermato Owen.

Collaborazione alla ricerca

Oltre a ricoprire ogni anno posizioni con ingegneri di talento dell’URI, i leader del settore supportano la proposta di obbligazioni per ciò che significherà per le loro aziende e lo stato.

L’opportunità di attingere all’esperienza trovata presso URI e lavorare a stretto contatto con la sua facoltà e gli studenti su ricerca, test e sviluppo di prodotti offre alle aziende un vantaggio competitivo.

“La vasta esperienza tecnica presso l’URI Bay Campus ha consentito alle piccole imprese come la nostra di continuare a far progredire gli sviluppi della tecnologia blu attraverso la collaborazione con studenti e personale”, afferma Darya Blout, fondatrice di Deep Blue Composites, con sede a Bristol.

Blout ha conseguito una laurea in ingegneria oceanica presso l’URI nel 2016. La sua azienda lavora su materiali avanzati per accelerare i progressi tecnologici nei settori commerciale, della difesa e aerospaziale.

Come Deep Blue Composites, Nautilus Defense potrebbe non avere un legame così ovvio con l’ingegneria oceanica come fa un’azienda di robotica subacquea. Tuttavia, la collaborazione della società con sede a Pawtucket nella ricerca e nello sviluppo dei prodotti con URI è inestimabile.

“La partnership di ingegneria oceanica ha consentito a Nautilus di lavorare a stretto contatto con esperti di tutto il mondo per sviluppare e testare nuove soluzioni di rilevamento degli oceani a base di fibre”, ha affermato Jim Owens, principale dell’azienda.

Owens e Nautilus Defense hanno collaborato con il professor Brennan Phillips per costruire il più piccolo sistema di acque profonde del mondo in grado di fornire un feed video livestream.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *