La polizia del Qatar ha esortato a mostrare moderazione durante la Coppa del Mondo dopo i colloqui con la FIFA | Coppa del Mondo 2022

La detenzione deve essere sollecitata dalla polizia durante la Coppa del Mondo per comportamento contrario alle norme culturali del Qatar ma comune in Europa, secondo una serie di accordi segreti negoziati tra funzionari della FIFA e del Qatar.

Secondo una sintesi degli accordi vista dal Guardian, ai fan dovrebbe essere consentito arrampicarsi sui tavoli, posizionare bandiere sulle statue e cantare canzoni ad alto volume in pubblico senza dover far fronte all’intervento della polizia. Vengono anche coperte importanti aree dei diritti individuali, in cui i fan LGBTQ+ potranno dimostrare il loro amore per strada e sventolare bandiere arcobaleno in luoghi pubblici, nonostante le leggi che rendono illegale l’omosessualità negli stati del Golfo.

Con la partita di apertura della Coppa del Mondo a poco più di due settimane di distanza, i tifosi e le federazioni calcistiche continuano ad affrontare l’incertezza su come verranno trattati i tifosi in Qatar. Ciò è particolarmente vero per la polizia, gran parte della quale il Qatar subappalta alle forze dell’ordine turche e pakistane. Questa settimana, la polizia britannica ha detto che avrebbe portato al torneo 15 “ufficiali di coinvolgimento dei sostenitori” per aiutare a prevenire malintesi culturali. Ma i risultati inediti delle discussioni tra FIFA e rappresentanti del Comitato per le operazioni di sicurezza e sicurezza del Qatar (SSOC) mostrano che ci sono alcune aree in cui la polizia dovrebbe mostrare “accomodamento a quei comportamenti che non minacciano l’integrità fisica o la proprietà”.

In una sezione intitolata “tifosi”, il documento espone le circostanze in cui la polizia non dovrebbe intervenire in modo specifico. “In piedi su un tavolo/sedia/panca e cantare una canzone dei fan in pubblico: nessuna azione, nessun processo”, si legge in una voce. “Coprire sculture, ecc. con bandiere e striscioni a ventaglio in pubblico: nessuna azione, nessun processo”, era un altro.

Il documento è inteso come un distillato di un lungo incontro in cui i funzionari della FIFA hanno cercato di ottenere risposte ferme su come svolgere le attività di polizia durante il torneo. Diversi elementi evidenziano l’ampio divario tra le aspettative legali occidentali e gli standard del Qatar.

Una sezione, contrassegnata come “diritti delle donne”, afferma: “Le donne riceveranno cure mediche anche relative alla gravidanza o alla salute riproduttiva indipendentemente dalle circostanze e non dovranno affrontare alcuna accusa”. Questa affermazione è probabilmente una risposta alle leggi secondo cui il consenso al sesso al di fuori del matrimonio rimane illegale in Qatar. Il documento prosegue affermando: “Le donne non saranno accusate se denunciano stupri o molestie/violenze sessuali”.

I qatarini sono stati sottoposti a forti pressioni per garantire la sicurezza delle persone LGBTQ+ che viaggiano per il torneo. Il documento non menziona la possibilità di modificare il codice penale, richiesta avanzata dai padroni di casa dei Mondiali, ma in una sezione contrassegnata come “standard pubblici” dice: “I visitatori possono rimanere nella stessa stanza indipendentemente dallo stato civile o dal sesso”.

Sulla questione della protesta per i diritti LGBTQ+, il documento afferma: “Le persone che esibiscono bandiere arcobaleno o altre bandiere di identità sessuale non saranno avvicinate, detenute o perseguite”. Conferma inoltre che le persone dovrebbero potersi baciare e tenersi per mano nei luoghi pubblici o negli stadi senza interferenze.

La mancanza di impegno pubblico da parte dei padroni di casa a una maggiore tolleranza per la durata del torneo ha sollevato preoccupazioni tra i tifosi che intendono viaggiare così come quelli dei gruppi emarginati. L’ultima notizia arriva dopo che è stato rivelato che centinaia di fan si recheranno al torneo a spese delle autorità del Qatar che, in cambio, chiederanno che le persone non facciano commenti pubblici critici sul torneo.

La FIFA non ha commentato il documento quando è stata contattata dal Guardian e una dichiarazione rilasciata dal Comitato Supremo incaricato dell’attuazione della Coppa del Mondo ha affermato: “Siamo a conoscenza di un documento della Coppa del Mondo Fifa Qatar 2022 sul comportamento dei fan che viene diffuso sui social media.Questo documento non è stato sviluppato o approvato dal CS o da qualsiasi altro ente dello Stato del Qatar.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *