Titano della finanza, Sir Evelyn de Rothschild è morta all’età di 91 anni

Quando ho incontrato Sir Evelyn de Rothschild, allora 86enne, nella sua cioccolateria gourmet di breve durata a Belgravia, mi ha intrattenuto con la sua ultima grande idea: nessuna tassa per gli over 90.

Una volta raggiunti i 70 anni, l’aliquota fiscale dovrebbe essere ridotta ogni cinque anni. Quindi quando raggiungi i 90 anni non dovresti pagare le tasse.

Dovrebbero tagliare le tasse agli anziani in modo che possano essere indipendenti e vivere nelle proprie case.’

Colosso: Sir Evelyn de Rothschild (nella foto con la moglie Lynn) muore pacificamente a casa all’età di 91 anni

Forse è ironico, forse no.

Anche Sir Evelyn, morto pacificamente in casa all’età di 91 anni, avrebbe meritato lui stesso l’agevolazione fiscale, dato che probabilmente non è stata inserita in nessuno dei discorsi del cancelliere Budget.

Non aveva bisogno di soldi, ovviamente: un grande finanziere, era un multimiliardario.

È anche un chocoholic e confessa di aver aperto la sua squisita e costosa pasticceria per compensare la brama di dolci della sua infanzia durante la guerra.

Il negozio ha chiuso durante la pandemia, ma era più di una bagatelle in un leggendario impero finanziario.

Nato a Londra nel 1931, unico figlio di Anthony de Rothschild e Yvonne Cahen d’Anvers, Sir Evelyn era destinato dalla nascita alla banca di famiglia.

Dopo Harrow e una laurea in economia al Trinity College di Cambridge, è entrato a far parte della banca nel 1957. La sua carriera è durata più di quattro decenni.

Sotto la sua gestione, il patrimonio totale della banca è cresciuto da £ 40 milioni a £ 4,6 miliardi.

Sir Evelyn era vicino a politici di spicco su entrambe le sponde dell’Atlantico, inclusa Margaret Thatcher.

Nel 1986, l’allora governo conservatore si rivolse a NM Rothschild per chiedere aiuto con una delle sue politiche di punta – e quella che avrebbe trasformato la città – la privatizzazione di British Gas.

Secondo la tradizione Rothschild, la campagna “Tell Sid” per vendere azioni al pubblico prende il nome da uno dei suoi impiegati di posta.

Il vero Sid ha lavorato presso la sede della banca a New Court in the City. La vendita di British Gas ha consentito a NM Rothschild di incassare un’ondata redditizia di privatizzazioni iniziata in tutto il mondo.

Nel Regno Unito ciò ha comportato le vendite di British Steel, le società elettriche e idriche, British Coal e BT.

I legami politici hanno avuto un ruolo nel suo terzo matrimonio, con l’inglese-americana Lynn Forester de Rothschild.

La coppia è stata presentata da Henry Kissinger e ha trascorso una notte della loro luna di miele nel 2000 alla Casa Bianca di Clinton.

Forester de Rothschild, che le è sopravvissuto, era una donna d’affari di successo a pieno titolo.

Il primo matrimonio di Sir Evelyn, con Jeannette Bishop, si concluse con un divorzio. Ha avuto tre figli con la sua seconda moglie, Victoria Lou Schott: Jessica, Anthony e David. Quel matrimonio finì anche con il divorzio. Ha avuto due figliastri con Forester de Rothschild.

Oltre al suo ruolo nell’azienda di famiglia, Sir Evelyn è stato anche presidente della rivista The Economist dal 1972 al 1989.

Nominato cavaliere nel 1989, è stato per molti anni un fidato consigliere finanziario della defunta regina Elisabetta II.

Sua Maestà era, mi disse, abbastanza frugale perché «era cresciuto in tempo di guerra, con idee molto caute. Se hai una razione, questo ha un grande impatto sulla tua vita, giusto? Tutta la tua vita.’

Era un usciere all’Incoronazione, dove è arrivato con l’uniforme sbagliata. “Sono andato alla Moss Bros perché non avevo l’uniforme e per caso mi hanno fatto diventare Commodoro durante la notte.”

Nessuno si è accorto del suo passo falso, perché ha detto: ‘Erano tutti ubriachi. Devi alzarti alle cinque del mattino per parcheggiare all’Abbazia di Westminster alle sette o qualcosa del genere e sono tutti ubriachi».

In tarda età, si dedicò alla società di investimento di famiglia EL Rothschild e alla filantropia, dichiarando: “Non credo che le attività bancarie siano così divertenti”.

Una delle sue cause preferite è la Elephant Family, un ente di beneficenza per la conservazione che ha fondato nel 2002 con i Rajmata di Jaipur e Mark Shand, il defunto fratello della regina consorte. Gli elefanti, secondo lui, sono “probabilmente più intelligenti di noi”.

La serie di battaglie della famosa famiglia

Tramite ALEX BRUMMER Editore della città

Al timone: Alexandre de Rothschild con la moglie Olivia

Al timone: Alexandre de Rothschild con la moglie Olivia

Nel corso dei secoli, la dinastia Rothschild, con varie imprese bancarie e finanziarie interconnesse in tutta Europa, è stata diffidente nei confronti della pubblicità.

La preoccupazione è sempre stata quella di alimentare la narrativa antisemita secondo cui gli ebrei sono la forza nascosta che controlla la finanza globale.

Invece, la famiglia ha tranquillamente sviluppato una reputazione di integrità.

Il ramo londinese dell’impero fu fondato nel 18° secolo dal bisnonno di Sir Evelyn de Rothschild.

NM Rothschild raccolse notoriamente i prestiti che aiutarono il duca di Wellington ad assicurarsi la vittoria su Napoleone nella battaglia di Waterloo nel 1815.

Più recentemente, la questione centrale del ruolo appropriato delle banche d’affari come NM Rothschild ha cambiato lo Square Mile all’inizio dell’era Thatcher negli anni ’80.

Ma i due cugini Rothschild, Evelyn e Jacob, avevano opinioni diverse su come la banca avrebbe dovuto operare.

Jacob, erede del 3° barone e poi padrone di Waddesdon Manor nel Buckinghamshire, era il più avventuroso.

Sentiva che la banca aveva bisogno di prepararsi per una nuova era di crescita nella città attraverso una fusione con SG Warburg, che aveva sviluppato esperienza in fusioni e acquisizioni e aveva dimostrato la volontà di andare oltre la consulenza commerciale.

Questo è stato visto come troppo provocatorio dalla vecchia guardia della famiglia. La più conservatrice Evelyn mantenne il sostegno della dinastia e della città e vide Jacob sul campo di battaglia.

Con l’aiuto del veterano uomo d’affari della City Sir Michael Richardson, Evelyn iniziò a trarre vantaggio dalle riforme thatcherite, incluso il Big Bang del 1986.

Il duo ha fondato il broker Smith New Court, che prende l’ultima parte del suo nome dalla storica sede dei Rothschild in St Swithin’s Lane, nel cuore della City.

Nel 1996, il potenziale successore Amschel Rothschild si è tristemente impiccato in una stanza d’albergo di Parigi. Quindi Evelyn si propone di ottenere una successione alla banca di Londra che esclude suo cugino Jacob, ora Lord Rothschild. Invece, ha raggiunto attraverso la Manica a Parigi, e suo cugino francese il barone David de Rothschild.

La banca francese Rothschild ha subito una grave battuta d’arresto quando è stata nazionalizzata dal governo del presidente Francois Mitterrand nel 1984, costringendo David a ricominciare da capo.

Ma il peso, la fama e la fiducia del nome Rothschild, uniti all’abilità e all’ambizione di David, riportarono la banca francese dalle braci del socialismo.

Evelyn vedeva una fusione come un ponte verso l’UE oltre a garantire la successione.

Il barone David ha assunto la carica di presidente esecutivo quando Evelyn si è ritirata nel 2003 e ha iniziato a riunire tutte le banche Rothschild sotto lo stesso ombrello, come Rothschild Continuation.

Estese ulteriormente la periferia della capitale con i mezzi pubblici francesi.

La banca rimane saldamente sotto il controllo del braccio francese con il figlio del barone David, Alexandre, ora al timone.

Jacob Rothschild ha continuato a creare la propria attività multimiliardaria Rothschild Investment Trust, nonché l’assicuratore St James’s, ora consulente finanziario indipendente St James’s Place.

Alcuni link in questo articolo potrebbero essere link di affiliazione. Se ci clicchi sopra potremmo ottenere una piccola commissione. Questo ci aiuta a finanziare This Is Money e a mantenerlo libero di usarlo. Non scriviamo articoli per promuovere i prodotti. Non permettiamo che alcun rapporto commerciale pregiudichi la nostra libertà editoriale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *