Gli inglesi Thompson e Aitchison affronteranno la Nuova Zelanda nella finale dei Mondiali | La squadra di rugby femminile dell’Inghilterra

L’allenatore dell’Inghilterra Simon Middleton dice di essere fiducioso che la sua squadra sarà all’altezza della sfida finale quando affronterà la Nuova Zelanda nella finale della Coppa del mondo di rugby di sabato. Middleton ha annunciato un XV titolare leggermente rimescolato contenente l’ala Lydia Thompson e il centro Holly Aitchison e crede che i suoi giocatori siano pronti ad accogliere la pressione aggiuntiva dell’occasione.

In assenza dell’infortunata Helena Rowland, Middleton ha richiamato l’esperto Thompson per aiutare a contenere le pericolose Black Ferns all’esterno, mentre Aitchison ha sostituito Tatyana Heard al centro. Ellie Kildunne inizierà ora come terzino, con Heard e Claudia MacDonald in panchina.

Ci sono anche sei sostituzioni in avanti, tra cui Sadia Kabeya, Cath O’Donnell e Shaunagh Brown, mentre l’Inghilterra cerca di fermare i suoi ospiti orientati all’attacco alla fonte nella finale di un Eden Park tutto esaurito.

“Quando le cose si fanno difficili, questa squadra sa come andare avanti”, ha detto Middleton. “Quindi ci stiamo godendo il sabato e tutto ciò che porterà.

“Non c’è sfida più grande nello sport che giocare i campioni del mondo nel proprio cortile davanti a un pubblico, il 99,9% dei quali sarà l’opposizione. Le buone squadre non hanno paura di queste sfide, le abbracciano e le abbracciano. Ecco cosa abbiamo intenzione di fare”.

Middleton ha anche elogiato “l’abilità, la resilienza e la fiducia incrollabile l’una nell’altra” della sua squadra mentre cercano la 31a vittoria consecutiva nel test. “Ti sforzi sempre di creare qualcosa di speciale nello sport di squadra e lo abbiamo fatto con questo gruppo di Red Roses”, ha aggiunto l’allenatore. “Sappiamo nei nostri cuori che questa è probabilmente l’ultima volta che questo gruppo sarà insieme, ma ciò che hanno creato e ottenuto vivrà a lungo.

Hannah Botterman, qui in azione nella semifinale contro il Canada, ha saltato la finale per un infortunio. Foto: Hagen Hopkins/World Rugby/Getty Images

“Non potrei essere più orgoglioso della squadra, di come ci siamo comportati e di come ci siamo comportati. Ci siamo posti l’obiettivo di lasciare questo Paese una squadra migliore di quando siamo arrivati ​​e qualunque cosa accada sabato saremo noi.

L’Inghilterra sarà anche desiderosa di alzare il trofeo per tutti i suoi compagni di squadra non giocatori, tra cui l’infortunata Hannah Botterman e Laura Keates insieme ad amici assenti come Bryony Cleall e Natasha “Mo” Hunt, che hanno mancato di poco la selezione per la finale mondiale Squadra di Coppa.

Ad esempio, Brown ha detto che desiderava disperatamente vincere la partita di sabato “in omaggio” a Botterman, che si è infortunato al ginocchio durante l’allenamento prima della semifinale contro il Canada. “Voglio che sappia che tutto ciò per cui ha lavorato negli ultimi cinque anni è ancora valsa la pena”, ha detto il sostenitore degli Harlequins. “Questo vale anche per le persone che si sono allenate con noi tutta l’estate e non sono arrivate qui. Amo suonare, ma ora una parte importante per me è suonare per altre persone.

New Zealand v England, 6.30am GMT Saturday 12 November

New Zealand Holmes; Tui, Fluhler, Fitzpatrick, Woodman; Demant (c), Cocksedge; Love, Ponsonby, Rule, Roos, C Bremner, A Bremner, Hirini, McMenamin
Replacements Connor, Murray, Taumata, Ngan-Woo, Simon, Bayler, Tubic, Leti-L’iga

England Kildunne; Thompson, Scarratt, Aitchison, Dow; Harrison, Infante; Cornborough, Cokayne, Bern, Aldcroft, Ward, Matthews, M Packer, Hunter (capt). 
Replacements Davies, Brown, Muir, O’Donnell, P Cleall, Kabeya, Heard, 
MacDonald. 

“,”credit”:””,”pillar”:2}”>

Guida veloce

Squadre finali della Coppa del Mondo di rugby femminile

mostrare

Nuova Zelanda v Inghilterra, 6:30 GMT sabato 12 novembre

Nuova Zelanda Holmes; Tui, Fluhler, Fitzpatrick, Woodman; Demant (c), Cocksedge; Love, Ponsonby, Rule, Roos, C Bremner, A Bremner, Hirini, McMenamin
Sostituzioni Connor, Murray, Taumata, Ngan-Woo, Simon, Bayler, Tubic, Leti-L’iga

Inghilterra Kildunne; Thompson, Scarratt, Aitchison, Dow; Harrison, Infante; Cornborough, Cokayne, Berna, Aldcroft, Ward, Matthews, M Packer, Hunter (capitano).
Sostituzioni Davies, Brown, Muir, O’Donnell, P Cleall, Kabeya, Heard,
Mac Donald.

Grazie per il tuo feedback.

Il 32enne Brown, che ha iniziato a giocare solo sette anni fa, suggerisce anche che la squadra è motivata a fare l’ultimo passo per aiutare a migliorare il profilo del gioco oltre l’Inghilterra. “Vogliamo giocare per il bambino a casa che non ha mai giocato a un gioco ma lo guarda in TV e vede un gruppo di ragazze che si divertono.

“Riguarda anche l’accettabilità sociale delle donne che giocano a rugby. Tante volte, ancora oggi, sento persone dire alle donne che sono troppo piccole o non abbastanza forti per giocare a rugby. Pensi solo: ‘In che mondo vivi?’ In ogni squadra femminile c’è così tanta variazione di dimensioni, peso e altezza. Il rugby è molto speciale nel modo in cui celebra diversi tipi di persone”.

C’è anche il desiderio di giustificare la decisione della Rugby Football Union di offrire contratti professionali alle migliori giocatrici dopo la sconfitta contro la Nuova Zelanda nella finale della Coppa del Mondo 2017. “Questo confermerà che ne valiamo la pena”, ha detto Brown. “Se investi in noi, questo è ciò che può fare un programma a tempo pieno.”

Una folla da record mondiale per un incontro femminile di oltre 40.000 spettatori parteciperà alla finale, con Brown che insiste che i nervi non saranno un problema per i Red Roses.

“Siamo a buon punto e ora è il momento dell’ultimo ballo. Gli allenatori rafforzano il fatto che non dobbiamo stressarci. Dobbiamo solo giocare come giochiamo a settimane alterne. Sì, un grosso problema. Sì, è una finale di Coppa del Mondo. Ma siamo qui perché ce lo siamo guadagnato”.

I Black Ferns hanno apportato un solo cambio per infortunio nella loro giornata 23, con la vincitrice della Coppa del Mondo 2017 Charmaine McMenamin che ha sostituito Liana Mikaele-Tu’u, che si è infortunata al pollice nella vittoria della semifinale. La squadra è composta da sei giocatori che hanno preso parte alla finale della Coppa del Mondo 2017 contro la stessa opposizione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *