Questa è la nostra Coppa del Mondo di tè?

Spiega gli stendardi, alza le bandiere, fai esplodere i palloncini e metti le birre in ghiaccio. Nel caso non te ne fossi reso conto, le finali dei Mondiali iniziano questo mese. Saresti perdonato per aver dimenticato il torneo più importante del calcio, perché quello che sta succedendo in Qatar non sembra infiammare molti fan.

Potrebbe esserci più eccitazione nel fatto che il Liverpool sarà premiato con l’Eurovision l’anno prossimo. Mettendo da parte la politica per un momento, perché nessuno grida dai tetti dell’Inghilterra di Gareth Southgate e delle sue possibilità di vincere il trofeo Jules Rimet? Dopotutto, sono arrivati ​​secondi a Euro 2020, la migliore prestazione della nostra nazionale da quando Bobby Moore si è asciugato le mani infangate accettando la Coppa del Mondo dalla regina nel 1966.

Questo torneo sembra intralciare ciò che i fan del calcio inglese vogliono: la stagione regolare. La Coppa del Mondo si tiene tradizionalmente a giugno e luglio, invece che a novembre e dicembre. Indossiamo magliette inglesi a maniche corte, ci dipingiamo il viso di rosso e di bianco, appendiamo piccole bandiere ai finestrini delle nostre auto e ne attacciamo di grandi ai muri delle nostre case; ci godiamo hamburger e birre mentre guardiamo le partite sui grandi schermi ai barbecue nelle tiepide serate estive.

Ricevi The Jewish News Daily Edition via e-mail e non perdere mai le nostre migliori storie. Iscriviti gratuitamente

Non adesso. Il calcio inglese, almeno a livello di Premier League e Championship, si fermerà. Per la maggior parte del mese, non ci sarà più Erling Haaland a battere i record di gol per i campioni nominati del Manchester City, o i fan dell’Arsenal che sognano il loro “ritorno”. Invece, controlleremo i nostri contatori intelligenti tanto da vicino quanto i nostri schermi TV come speriamo e preghiamo che il capitano dell’Inghilterra Harry Kane possa guidare la squadra nazionale al premio più grande di tutti.

Il capitano Harry Kane con il suo distintivo arcobaleno “un amore”.

Anche se non sarà lo stesso, con le partite che inizieranno già alle 10 del mattino per evitare il caldo torrido degli Emirati Arabi Uniti. Sotto l’immagine tollerante e progressista presentata dagli organizzatori, c’è una profonda preoccupazione che il Qatar non sia un paese degno del più grande onore della FIFA.

Il giudice Rob Rinder ha accusato Beckham di “mettere i soldi prima della morale”.

Gli attivisti per i diritti umani rimangono critici nei confronti del record del Qatar nella costruzione degli stadi in cui si terrà la stravaganza di questo inverno e le leggi contro l’omosessualità sono un ostacolo che impedisce ad alcuni fan di partecipare. Anche il normalmente famoso David Beckham, che si è sposato in una famiglia ebrea e non si preoccupava di fare la fila, non ha fatto bene alla sua reputazione grazie al suo ruolo di ambasciatore per il Qatar – il giudice Rob Rinder ha accusato Beckham di “mettere i soldi prima della morale” .

Il principale agente di football ebreo Jonathan Barnett, i cui clienti includono la star del Galles Gareth Bale, non è rimasto colpito dal luogo o dai tempi del torneo di quest’anno. “È assolutamente ridicolo”, ha detto Barnett. “Le persone dietro le quinte della FIFA devono guardare se stesse e chiedersi come sia successo. Io non ci vado e, da tifoso, non provo alcuna eccitazione e posso dire lo stesso a nome di tutti i miei amici . ”

“Non ci vado e, da tifoso, non provo alcuna soddisfazione”, ha detto l’agente di football Jonathan Barnett

“Viaggio in giro per il mondo e nessuno vuole parlarmi della Coppa del Mondo”, ha aggiunto Barnett. “Tutto quello che chiedono è se penso che l’Arsenal possa rimanere in cima alla classifica. Novembre è un buon momento nella stagione calcistica nazionale, prendi i tuoi figli e guardi la tua squadra giocare, quindi non credere che il calcio sia fermo per quattro settimane.

“Gli appassionati di calcio inglese non vogliono guardare il calcio alle 10. È incredibile e la FIFA non ha giustificato la decisione di ospitare l’evento in Qatar. Non c’è un tale accumulo come sarebbe se si tiene in estate e Non credo che a molte persone importi di questa Coppa del Mondo”.

Quando si tratta di ebrei che partecipano alle finali della Coppa del Mondo, i libri dei record sono dolorosamente sottili. Israele è apparso solo una volta, in Messico nel 1970, raccogliendo due punti nella fase a gironi. Il paese ha prodotto un grande arbitro, Abraham Klein, che è stato un ufficiale in tre tornei: Messico nel 1986, Argentina (1978) e Spagna (1972). Alto quasi 5 piedi, Klein è stato uno dei più giovani arbitri del torneo del Messico e la sua prima partita è stata Inghilterra contro Brasile.

Arbitro israeliano della Coppa del Mondo Abraham Klein

Nei successivi quattro Mondiali, Klein, che ora ha 88 anni, ha dimostrato il suo valore come uno dei principali arbitri del mondo e il suo meticoloso sistema di arbitraggio è descritto nel suo libro The Referee’s Referee: Becoming the Best.

Hugo Meisel, l’ebreo austriaco che guidò l’Austria alle semifinali del Mondiale del 1934

Un altro grande successo calcistico ebraico fu Hugo Meisel, un ebreo austriaco che guidò l’Austria come allenatore alle semifinali dei Mondiali del 1934 in Italia. Ma al di là di lui, non c’è niente di cui gridare, a meno che non aggiungiamo Yossi Shai Benayoun, il giocatore israeliano più prolifico di tutti i tempi, il compianto Avi Cohen e Rocket Ronny Rosenthal. Tutti questi israeliani hanno giocato per squadre inglesi, ma nessuno ha avuto l’opportunità di rappresentare la patria ai Mondiali.

Ivor Baddiel, tifoso e autore del Chelsea, ama la Coppa del Mondo. Gli è piaciuto così tanto che ha collaborato con Gary Lineker per scrivere 50 volte il calcio ha cambiato il mondoche è un libro rilegato illuminante per i fan in questo momento o come regalo per la terza notte per Chanukah.

Data la data di pubblicazione del libro, si potrebbe supporre che Ivor stia contando i minuti fino a quando l’Inghilterra non avrà la palla al balzo contro l’Iran il 21 novembre, ma non sembra impaziente di questa Coppa del Mondo come fa di solito. “La motivazione della FIFA per portare la Coppa del Mondo in Qatar è promuovere il calcio in tutto il mondo. Tuttavia, il Qatar non ha un pedigree calcistico, quindi perché andarci?”

Appena in tempo: il libro WC di Ivor Baddiel e Lineker

E ha continuato. “Ho capito che Harry Kane indosserà una fascia da capitano arcobaleno per inviare un messaggio contro la discriminazione e la Danimarca indosserà magliette che criticano il record dei diritti umani del Qatar, ma questi sono piccoli gesti. Puoi essere incarcerato per essere gay in Qatar. I grandi paesi dovrebbero dire ‘no’ a questa Coppa del Mondo e boicottarla. È un peccato perché misuro la mia vita in base a quanti Mondiali mi restano, e l’unico modo per superare questo è toglierti tutte le cose orribili dalla mente”.

“Lo stesso vecchio arsenale” di Amanda Schiavi

Alcuni possono farlo e i sostenitori a batteria hanno prenotato i biglietti; ma ci sono barriere finanziarie per i tifosi che non sono disposti o in grado di pagare somme a quattro cifre per un volo, un alloggio troppo caro o biglietti economici per le partite.

Diciamo solo che un viaggio di una settimana, prendendo in poche partite, può farti guadagnare £ 7.000 in più, e ci sono storie di fan che dormono su barche al largo per contenere i costi.

Amanda Schiavi, che ospita il podcast Same Old Arsenal, guarderà la Coppa del Mondo da casa, ma solo per assicurarsi che nessuno dei suoi fuoriclasse sia infortunato. “Questo paese è in ginocchio e per quanto sia meraviglioso vedere l’Inghilterra partecipare al torneo, non mi interessa”, ha detto Amanda.

“Molti dei migliori giocatori dell’Arsenal usciranno per paesi diversi e tutto ciò che conta per me è che non tornino a casa infortunati. Temo la pausa dalle partite di Premier League. È stato come l’inizio del Covid quando eravamo via, ed ero preoccupato che l’Arsenal avrebbe perso slancio dopo un buon inizio di stagione. Questo non è vero. Non ne abbiamo parlato nel mio podcast e ai miei follower su Twitter non interessa.

A poche miglia a nord di Londra, Daniel Wynne è un noto fan che è un ex portavoce del Tottenham Hotspur Supporters Trust. Poche persone conoscono o amano il loro calcio come Daniel, ma è così spento dalla Coppa del Mondo che non ha nemmeno intenzione di guardarlo.

Ha spiegato: “Per la prima metà, farò una crociera ai Caraibi e poi viaggerò in Costa Rica, e salterò apposta la Coppa del Mondo. “Di solito, quando si gioca, io guardare tre o quattro partite al giorno e rimproverare mia moglie fino a dopo la finale. Trovo tutto ridicolo e i club avranno “amichevoli pre-stagione” a dicembre per reintegrare i loro giocatori nel set-up quando torneranno dalla gara .” Una cosa è certa, questo Mondiale non sarà lo stesso, forse per le ragioni sbagliate.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *