Coppa del Mondo T20: l’Inghilterra ha battuto l’India per entrare in finale di Coppa del Mondo

Semifinale della Coppa del Mondo T20 maschile ICC, Adelaide
India 168-6 (20 over): Hardik 63 (33), Kohli 50 (40); Giordania 3-43
Inghilterra 170-0 (16 over): Maggiordomo 80* (49), Hales 86* (47)
L’Inghilterra ha vinto per 10 wicket
Segnapunti

L’Inghilterra ha preso d’assalto la finale della Coppa del Mondo T20 maschile con una sensazionale demolizione di 10 wicket dell’India all’Adelaide Oval.

Gli apri Jos Buttler e Alex Hales hanno superato un’atmosfera febbrile sostenendo l’India e hanno inseguito 169 senza perdere un wicket.

Hanno segnato una casa con 24 palloni di riserva per organizzare la finale di domenica contro il Pakistan e siglare una delle più grandi vittorie di palla bianca dell’Inghilterra.

Hales ha chiuso con 86 non su 47 e Buttler era imbattuto con 80 su 49, lo skipper inglese ha conquistato la partita con 10 sei.

In precedenza, nonostante il 50 di Virat Kohli, i giocatori di bowling inglesi hanno limitato l’India fino a quando il 63 di Hardik Pandya su 33 palloni ha portato la sua squadra a quello che sembrava un punteggio difficile.

Ma Hales, richiamato dopo più di tre anni nella giungla internazionale, diede all’Inghilterra un rapido inizio e Buttler continuò l’assalto.

I loro stand di 170 è un record in una Coppa del Mondo T20 maschilelink esternobattendo i 168 condivisi dai sudafricani Quinton de Kock e Rilee Rossouw nella partita in Super 12 contro il Bangladesh il mese scorso.

Nega al torneo quello che sarebbe stato un goloso finale India-Pakistan, assicurando invece una ripetizione della famosa finale della Coppa del Mondo 50 over del 1992 al Melbourne Cricket Ground (MCG).

L’Inghilterra è arrivata alla finale di domenica

Questa doveva essere la notte in cui l’India si unì ai suoi grandi rivali in quella che sarebbe stata una delle grandi finali sportive.

Una folla frenetica guardava ma alla fine, una piccola sacca di tifosi inglesi esultava, i tifosi indiani silenziati si allontanavano.

Lo sforzo di bowling dell’Inghilterra, senza Mark Wood a causa di un infortunio e contro una formazione in battuta di superstar indiane, è stato pulito e disciplinato, fino a quando non sono stati eliminati dal campo dal blitz in ritardo di Hardik.

La battuta è stata molto buona.

Il potente Buttler ha sistemato i nervi prendendo tre quattro dal primo prima che lui e Hales mandassero sia il ritmo che le rotazioni in modo apparentemente senza sforzo.

Quando l’ultimo maestoso colpo superò il difensore e il confine a lungo, Buttler si tolse l’elmo e ruggì di gioia.

Una campagna allo sbando dopo la sconfitta dell’Irlanda due settimane fa potrebbe ancora concludersi in gloria.

Il Pakistan, che ha messo in scena una notevole ripresa per raggiungere il fiore all’occhiello, è stato battuto 4-3 dall’Inghilterra nelle sette partite della serie T20 in casa il mese scorso.

Hales ripaga tutta la fede

Undici over nell’inseguimento I difensori maltrattati dell’India sembrano maltrattati, la palla si sposta ripetutamente verso, o oltre, la corda perimetrale.

Buttler è stato eliminato per 66 a metà campo da Suryakumar Yadav, con la palla che gli è uscita dal corpo e ha superato Kohli per quattro, ma poi la gara è finita.

Scegliendo di inseguire su un campo usato, Hales e Buttler hanno preso i confini del quadrato corto di Adelaide per stabilizzarsi a 10 punti per over.

Hanno preso 63 dal powerplay – in netto contrasto con il 38-1 dell’India – e non si sono mai guardati indietro.

È stata la più grande notte di Hales della sua carriera in Inghilterra, una carriera osservata com’era discende incessantemente alla vigilia della Coppa del Mondo 2019 prima di essere richiamato per questo torneo a seguito dell’infortunio di Jonny Bairstow.

Ha spazzato via gli spinner Axar Patel e Ravichandran Ashwin e ha colpito in modo netto i giocatori di bocce sopra le loro teste per sette sei.

Dopo un inizio veloce, Buttler si è adattato al ruolo di supporto prima di scatenare le sue rampe e colpi di potenza al galoppo verso il traguardo.

I giocatori di bocce si rafforzano prima dell’assalto di Hardik

L’Inghilterra, mancando la minaccia del wicket del ritmo veloce di Wood, ha fatto bene a limitare l’India nelle prime fasi.

Chris Woakes ne ottiene uno che si alza da una lunghezza e ottiene il vantaggio dal KL Rahul nel secondo over, Rohit Sharma viene catturato a metà campo dal sostituto di Wood Chris Jordan per 27 su 28 palloni e quando il pericoloso Yadav è stato catturato nel profondo da Adil Rashid per 14, l’India era 75-3 nel 12° posto.

Il primo limite di Kohli è stato un glorioso drive per sei in copertura extra, ma l’ex capitano non è riuscito a trovare la marcia più alta, Rashid particolarmente efficace nel mezzo con un incantesimo four-over che è costato solo 20.

Hardik ha colpito Jordan due consecutivi – uno una palla corta che è stata presa a pugni sul mid-wicket e l’altro un fuller che è scattato in modo spettacolare dai suoi pad – prima di aiutare a prendere 22 dal penultimo over lanciato da Sam Curran.

Ottanta punti sono arrivati ​​dagli ultimi sette over e 47 dagli ultimi tre, ma a dire il vero Hardik ne ha aggiunti altri 30, non sarebbero stati sufficienti.

“Il più vicino possibile alla perfezione” – reazione

Il corrispondente della BBC di cricket Jonathan Agnew nel BBC Test Match Special: “Questo deve essere considerato uno dei migliori sforzi dell’Inghilterra nel T20. Quello è stato il primo grande sorriso che ho visto sulla faccia di Buttler. Di solito ha la faccia di un assassino.

“L’Inghilterra ha insegnato una lezione all’India, specialmente nel modo in cui giocavano a bowling”.

Il capitano dell’Inghilterra Jos Buttler: “Sicuramente sembra il più vicino possibile alla perfezione, soprattutto contro un’opposizione di tale qualità.

“È importante per noi goderci questa e questa esibizione in modo da poterci riflettere e godercela, ma manca un ultimo ballo”.

Il capitano dell’India Rohit Sharma: “È piuttosto deludente come siamo arrivati ​​oggi. Abbiamo comunque battuto bene, soprattutto nel back-end per ottenere quel punteggio, ma non siamo stati abbastanza bravi con la palla.

“Non è certamente un wicket in cui una squadra dovrebbe essere in grado di andare a inseguire quel totale in 16-17 over, ma possono succedere cose del genere. Semplicemente non siamo venuti con la palla. Arrivando alle fasi a eliminazione diretta si tratta di gestire il pressione, e dipende anche dagli individui”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *