India, una grande economia in più rapida crescita, per essere tra le prime 3 potenze economiche in 10-15 anni: Nirmala Sitharaman

Il ministro delle finanze Nirmala Sitharaman ha affermato che l’India è emersa come una delle principali economie in più rapida crescita al mondo e si prevede che diventerà una delle prime tre potenze economiche a livello globale nei prossimi 10-15 anni.

Sitharaman ha aggiunto che le prospettive economiche globali rimangono scarse e l’economia indiana non è isolata dall’impatto degli sviluppi economici globali, secondo un PTI rapporto. Stava parlando all’evento USA-India Business and Investment Opportunities a New Delhi venerdì.

Leggi anche: L’India è sulla buona strada per diventare la terza economia più grande entro il 2027, il terzo mercato azionario più grande entro il 2030, afferma Morgan Stanley

Sitharaman ha affermato che l’India ha rettificato la sua crescita supportata da un monsone di sud-ovest sopra il normale, investimenti pubblici, solidi bilanci aziendali, maggiore fiducia dei consumatori e delle imprese e la minaccia sempre più sfuggente della pandemia di COVID-19.

“L’India è emersa come una delle principali economie in più rapida crescita al mondo. Recentemente ha superato il Regno Unito per diventare la quinta economia più grande del mondo e si prevede che diventerà una delle prime tre potenze economiche a livello globale nei prossimi 10-15 anni “, ha detto, secondo PTI rapporto.

Elencando alcuni degli importanti passi intrapresi dal governo per rilanciare l’economia, il ministro delle finanze ha menzionato i programmi di incentivi legati alla produzione (PLI) nei settori, il programma PM GatiShakti e la missione dei semiconduttori.

“Riconosciamo i flussi di capitali stranieri come una parte importante della storia di crescita dell’India. Le principali riforme includono la semplificazione e la razionalizzazione delle normative per gli investitori esteri di portafoglio (FPI), l’aumento del limite cumulativo per gli investimenti esteri, l’introduzione del Common Application Form (CAF) per la registrazione degli FPI e l’apertura di nuovi canali di investimento del debito come Voluntary Retention Route (VRR) e Percorso completamente accessibile (FAR)”, ha affermato.

Il successo di queste misure può essere visto nel flusso costante di investimenti che arrivano in India attraverso la rotta FPI, ha affermato.

In particolare, ha affermato, gli Stati Uniti sono il principale paese di origine per gli investimenti FPI in India, con Asset under Custody (AUC) di FPI provenienti dagli Stati Uniti che sfiorano i 234 miliardi di dollari al 30 settembre 2022.

In merito all’abilità digitale dell’India, Sitharaman ha affermato che definirà la crescita e lo sviluppo dell’India nel prossimo decennio, a medio e lungo termine.

L’India ha costruito un’economia digitale completamente nuova sfruttando le basi di oltre un miliardo di conti bancari, un miliardo di telefoni cellulari e un miliardo di identità digitali (Aadhaar), ha affermato.

“Oggi abbiamo una potente storia di Digital Public Goods (DPG) da raccontare al mondo. L’economia sta assistendo a un aumento esponenziale delle società FinTech new age. L’India ha il più alto tasso di adozione di FinTech rispetto alla media globale”, ha affermato.

Secondo gli ultimi dati, la produzione industriale indiana, misurata dall’Indice della produzione industriale (IIP), è cresciuta del 3,1% a settembre, supportata da un aumento a due cifre della produzione di energia. Ciò si confronta con una contrazione dello 0,8 percento nel mese precedente.

Di recente, la banca di investimento globale Morgan Stanley ha affermato nel suo rapporto che l’India è sulla buona strada per diventare la terza economia più grande del mondo entro il 2027, superando Giappone e Germania, e avere il terzo mercato azionario più grande entro il 2030, dietro le tendenze e le chiavi globali. investimenti del Paese in tecnologia ed energia.

Ha aggiunto che l’India è già l’economia in più rapida crescita al mondo, registrando una crescita media del 5,5% del prodotto interno lordo negli ultimi dieci anni. Oggi, tre megatrend – delocalizzazione globale, digitalizzazione e transizione energetica – stanno preparando la scena per una crescita economica senza precedenti nel paese di oltre 1 miliardo di persone.

Ridham Desai, chief equity strategist (India) di Morgan Stanley, ha dichiarato nel rapporto: “Riteniamo che l’India sia destinata a superare il Giappone e la Germania per diventare la terza economia più grande del mondo entro il 2027 e avrà il terzo mercato azionario per fine di questo decennio… Di conseguenza, l’India sta guadagnando potere nell’ordine mondiale e, a nostro avviso, questi cambiamenti unici segnalano un cambiamento irripetibile e un’opportunità per investitori e aziende”.

Leggi tutto il Ultime notizie di affari qui

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *