Nicola Sturgeon news: Nuovo piano di indipendenza salvato come caso economico ‘più debole che mai’ | politica | notizia

L’indipendenza scozzese “dieci volte peggio della Brexit”, afferma MSP

Il nuovo progetto economico di Nicola Sturgeon per una Scozia indipendente è stato selvaggiamente fatto a pezzi, con i conservatori scozzesi che si lamentano che la causa economica per l’indipendenza del SNP è “più debole che mai”. Il Primo Ministro ha promesso che la Scozia istituirà una propria banca centrale e adotterà una nuova valuta dopo una transizione “attenta e graduale” dopo l’indipendenza scozzese. Il leader dell’SNP ha esposto il suo piano economico e ha affermato che il passaggio dalla sterlina britannica a una nuova valuta scozzese dovrebbe essere il più breve possibile.

I commenti della sig.ra Sturgeon sono arrivati ​​dopo il rilascio del terzo di una serie di documenti progettati per mostrare come funzionerebbe una Scozia indipendente se si separasse effettivamente dal resto del Regno Unito.

L’anno scorso, il deficit della Scozia era del 12,3% del prodotto interno lordo, il doppio di quello del Regno Unito. Ha affermato che una Scozia indipendente avrebbe un deficit simile al resto del Regno Unito, anche se deve ancora specificare quale sarebbe.

Ma il suo progetto economico è stato fatto a pezzi, con il leader conservatore scozzese Douglas Ross che ha detto a Express.co.uk: “Illustra quanto siano fragili le ragioni economiche per l’indipendenza. L’SNP sta cercando di vendere la Scozia di un maiale in un colpo”.

“Questa è la priorità completamente sbagliata nel momento peggiore possibile per la Scozia. Nicola Sturgeon dovrebbe utilizzare le risorse del governo per aiutare le famiglie in difficoltà invece di spingere attraverso un altro referendum divisivo e indesiderato”.

Nicola Sturgeon news: Il progetto economico per una Scozia indipendente è stato danneggiato (Immagine: GETTY)

indipendenza di Nicola Storione

Nicola Sturgeon news: Il Primo Ministro delinea il suo caso economico per uno scozzese indipendente (Immagine: GETTY)

La segretaria ombra del gabinetto conservatore scozzese per le finanze e l’economia Liz Smith MSP ha dichiarato a questo sito web: “È difficile vedere quale sia lo scopo di lanciare questo documento, poiché non affronta le questioni fondamentali che hanno sempre minato il caso dell’economia per la libertà.

“L’SNP non è ancora in grado di fornire dettagli su come funzioneranno i nostri soldi, chi pagherà le nostre pensioni e come affronteremo gli effetti potenzialmente devastanti di un confine duro sul resto del Regno Unito.

“Incredibilmente, si aspettano che il pubblico scozzese voti per l’indipendenza senza rispondere a nessuna di queste importanti domande. La verità è che le ragioni economiche per l’indipendenza dell’SNP sono deboli quanto lo sono: è un leggero opuscolo di SNP travestito da lucido governo scozzese carta.

“Queste proposte rappresenterebbero un salto nel buio che minaccerà direttamente posti di lavoro, salari, risparmi e investimenti. La Scozia merita un governo che si concentri sulle vere priorità delle persone, non su schemi abbozzati e senza costi”.

LEGGI DI PIÙ: Scexit costerà alle famiglie scozzesi un quinto del reddito annuo, afferma l’esperto

indipendenza della Scozia

Nicola Sturgeon news: Il SNP vuole indire un referendum sull’indipendenza nell’ottobre 2023 (Foto: PA)

La valuta utilizzata da una Scozia indipendente ha dominato la campagna prima del referendum del 2014 e sembra che questa volta seguirà lo stesso percorso.

La Scozia potrebbe essere lasciata senza accesso automatico al sostegno della Banca d’Inghilterra in caso di crisi finanziaria se il paese utilizzasse la sterlina senza l’accordo del governo del Regno Unito.

Il portavoce dei liberaldemocratici per gli affari interni, Alistair Carmichael, ha dichiarato a Express.co.uk: “Speriamo che questo documento venga ricevuto come tutto il resto in Scozia in questi giorni – se sei a favore dell’indipendenza ti verrà lodato lo fai, ma se non lo fai ‘t, criticherai.

“In effetti, la risposta è stata una critica universale, e giustamente, perché è un’opera incredibilmente fragile, e lo sarà inevitabilmente perché la parte economica non c’è.

NON PREOCCUPARTI
L’emittente radiofonica belga chiede che gli elettori della Brexit siano “puniti” con tasse extra [VIDEO]
Putin potrebbe togliere i passaporti russi ai critici della guerra [REPORT]
Porterò integrità, dice Rishi Sunak in uno scavo a Boris Johnson [COMMENTS]

valuta dell'indipendenza scozzese

Nicola Sturgeon news: una Scozia indipendente dovrebbe adottare l’euro per rientrare nell’UE (Immagine: GETTY)

“Se gli scozzesi guardano indietro a ciò che è accaduto negli ultimi anni e pensano alla pandemia di Covid, siamo stati in grado di mettere in atto il pacchetto di salvataggio e cose come il regime di congedo perché il Regno Unito è stato in grado di fare un programma di allentamento quantitativo, che includeva la Banca d’Inghilterra che prestava denaro al governo del Regno Unito.

“In altre parole, stiamo stampando denaro”.

Ha aggiunto: “Non commettere errori: sono molti problemi a lungo termine, ma è qualcosa che puoi fare quando fai parte di una grande economia che è un’economia stabile e rispettata e quando hai una banca centrale rispettata come Bank dell’Inghilterra.

“Se la Scozia diventa indipendente, avrà una propria valuta? Avrà una banca centrale nel modo in cui ti aspetti? Cosa farai quando l’imprevisto colpirà?

“Se non abbiamo imparato nient’altro negli ultimi tre anni, abbiamo sicuramente imparato che non abbiamo idea di cosa ci sia dietro l’angolo”.

indipendenza scozzese nessun voto

Nicola Sturgeon news: dieci collegi elettorali scozzesi con la più alta percentuale di voti “No” di IndyRef (Foto: ESPRESSO)

Il mese scorso, Sturgeon ha anche affermato che la Scozia cercherà di rientrare nell’Unione europea dopo l’indipendenza, insistendo: “Possiamo rientrare nell’UE e rientrare nel più grande blocco commerciale del mondo”.

Ma quei piani hanno subito un duro colpo dopo che l’UE ha insistito sul fatto che qualsiasi nuovo stato membro avrebbe dovuto adottare l’euro come parte di qualsiasi piano per rientrare nel blocco.

Andrea Masini, portavoce ufficiale per gli affari economici presso la Commissione Europea, ha dichiarato: “In linea di principio, tutti gli Stati membri dell’UE, ad eccezione della Danimarca che ha una clausola di opt-out, sono legalmente impegnati ad entrare nell’area dell’euro non appena adempiono al condizioni necessarie.

“Spetta ai singoli paesi calibrare il proprio percorso verso l’euro e non è previsto alcun calendario”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *