L’Inghilterra deve la vittoria della Coppa del Mondo T20 a anticonformisti ed eroi non annunciati | Coppa del Mondo T20 2022

UNDopo giorni di terribili pronostici, non c’era alcuna aspettativa per una finale di Coppa del Mondo T20. I temporali arrabbiati dei cartoni animati non sono riusciti a trasportarlo in una notte calda e umida. I tifosi indiani speravano di far passare la loro squadra, ma la loro semifinale a eliminazione diretta non è stata accolta dal pubblico, con oltre 80.000 ancora presenti all’arena gigante di Melbourne. Quando i fan pakistani si sono presentati, le presentazioni post-partita hanno offerto un’euforia artificiale di cori svettanti dei Coldplay mentre uno scintillio d’oro copriva l’erba, scintillando come un sogno fugace in una discoteca. La vera euforia è stata quella della squadra inglese, la cui apparizione sul podio è stata una delle più inaspettate di tutte.

Un mese fa, l’Inghilterra aveva una pretesa come favorita della Coppa del Mondo T20. Questa non era la parte dominante guidata da Eoin Morgan, con Jason Roy e Jonny Bairstow che compivano regolarmente carneficine. Era necessaria una patch. Ma ci sono ancora battute distruttive, bowling vario e l’eredità dell’aggressività di Morgan. La loro preparazione li ha visti sfidarsi con il Pakistan in una pulsante serie di sette partite, quindi viaggiare in Australia per tre partite per battere la seconda migliore squadra in casa.

Due settimane fa, quell’ottimismo è svanito. L’Inghilterra ha lottato in un modesto inseguimento contro l’Afghanistan, perdendo contro l’Irlanda, e di conseguenza sembrava fortunata a evitare un potenziale ko contro l’Australia grazie alla pioggia. I punti interrogativi ei rischi calcolati nell’XI sembrano carenze strutturali, il lungo anticipo sembra una ricetta per la fatica. Raggiungere la finale al Melbourne Cricket Ground era una prospettiva lontana.

Come in ogni buon film d’azione, l’auto vive per l’ultimo momento possibile. Quindi, con i giocatori emarginati, messi da parte o espulsi dalle loro carriere in Inghilterra, tutti sparano quando non c’è altra opzione. Inizia al vertice con Alex Hales, assente dal servizio nazionale dal 2019 a causa delle preoccupazioni di Morgan sulle carenze caratteriali. I piccoli ritorni delle prime partite hanno lasciato il posto a 52 contro la Nuova Zelanda, 47 contro lo Sri Lanka e 86 non eliminati contro l’India; 185 esegue 117 palloni in una serie di partite a eliminazione diretta.

Passa a Sam Curran, a lungo ricercato in rosa come giocatore considerato utile senza mai essere la prima scelta. Lo vuoi per un colpo in ritardo, o per lo swing occasionale, o per far correre un giocatore alla ciotola come un ladro dei cartoni animati con un sacco? Attraverso questa Coppa del Mondo ha giocato la sua intera assegnazione, finendo con cifre di tre su 12 e premi per il giocatore della finale e del torneo.

Con Moeen Ali, portato e lasciato in tutti i formati, ora gioca un ruolo solido nell’ordine medio. Avendo bisogno di un aumento del punteggio, i suoi tre confini al 17 ° posto hanno ribaltato l’inseguimento irrimediabilmente a favore dell’Inghilterra. È andato a Chris Jordan, un difensore sostituto esperto fino a quando Mark Wood non si è infortunato, una volta un determinato giocatore di bombe della morte i cui giorni di gestione di quella responsabilità si pensava fossero finiti. In questa partita, due over hanno trattenuto Babar Azam e Shan Masood quando erano in carica, un energico licenziamento di Shadab Khan e un 20esimo che ha rifiutato qualsiasi maionese tardiva.

Ben Stokes ruggisce di gioia dopo aver segnato la corsa vincente. Foto: Martin Keep/AFP/Getty Images

E poi c’è Ben Stokes, fornitore di finali drammatici. Non è stato così bello nel 2016, quando il suo bowling si è lanciato nel cielo di Calcutta quattro volte quando Carlos Brathwaite ha conquistato un titolo. Quella notte è stata ora bilanciata da questa e da una performance in battuta contrastante. Stokes era troppo per una squadra che non poteva portare due ancore, ma l’infortunio di Dawid Malan ha ribaltato l’equilibrio. Avendo a malapena bisogno di lanciare una palla dopo il Powerplay, la situazione in questa finale si adattava alla sua partenza lenta. Ha applaudito e fiutato 24 da 34 palle, normalmente un rapporto criminale in questa forma, ma ha avuto il tempo di riprendere il controllo, finendo con tre grandi successi, una percentuale di colpi positiva, i suoi primi 50 nel formato e le piste vincenti.

Forse il più importante, però, è Adil Rashid. Dal 2019, quando il filatore di gambe ha giocato la sua parte nella vittoria di un giorno della Coppa del Mondo dell’Inghilterra, ci sono state speculazioni sull’opportunità di muoversi. L’invecchiamento è un processo difficile per i giocatori di cricket, specialmente quelli il cui fielding non è mai stato forte e i contributi in battuta sono svaniti. Nelle sei partite dal suo arrivo in Australia in ottobre a una costosa uscita nella partita del girone contro la Nuova Zelanda, ha segnato quasi nove run per over per un wicket in 114 palloni.

Adil Rashid e Moeen Ali hanno alzato il trofeo insieme
Adil Rashid e Moeen Ali hanno alzato il trofeo insieme. Foto: Cameron Spencer/Getty Images

Da lì, ha usato il volo e le virate e ha cambiato il corso della campagna. Ha perseguitato gli Sri Lanka con un incantesimo concedendo 16 punti e respingendo la mazza chiave Pathum Nissanka. Il suo uno per 20 in semifinale ha eliminato l’attaccante più prezioso dell’India, che ha prodotto abbastanza turni per battere il massicciamente in forma Suryakumar Yadav. Ha fermato Babar proprio mentre il capitano pakistano stava iniziando a migliorare, dopo aver esonerato il pacer Mohammad Haris, che ha chiuso con due su 22.

Le domande sui giocatori sono valide. È stato risposto se Hales può tornare in cima. La longevità di Jordan, Rashid, Moeen e l’applicabilità del metodo Stokes rimangono aperte. Curran non è uscito per 42 in semifinale potrebbe essere stato significativo quanto i suoi tre per 12. Ma in alcune partite, quando è stato deciso il percorso per il titolo, quei giocatori hanno superato quelle preoccupazioni e hanno consegnato. Come sa il Bureau of Meteorology, le previsioni non sempre accadono.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *