Cosa devono sapere i genitori su Fortnite


(Pocket-lint) – Se non hai sentito parlare di Fortnite probabilmente non hai figli di una certa età. È un gioco di tiro molto popolare per i bambini che ha attirato a lungo il fuoco dei media mainstream per essere violento, avvincente e che induce rabbia tra i bambini.

Fortnite è in circolazione da un po’ di tempo e può essere giocato su quasi ogni singola piattaforma sotto il sole. Il gioco principale si concentrava su una modalità Salva il mondo in cui attacchi e spari ai nemici con armi e costruisci difese.

Tuttavia, è la modalità multiplayer online Battle Royale a essere giocata quasi esclusivamente dai giovani. Simile a PlayerUnknown’s Battlegrounds, sebbene con una classificazione per età inferiore, mette fino a 100 giocatori l’uno contro l’altro mentre una nuvola di tempesta si avvicina fino a quando i giocatori rimanenti sono costretti a scontri emozionanti.

VIDEO TASCABILE DEL GIORNO

Insieme ai soliti consigli per i genitori di giocare con i propri figli e di tenere i giochi fuori dalle stanze familiari condivise, ecco uno sguardo a ciò che i genitori devono sapere sul gioco per mantenerlo sano per i propri figli.

Violenza di Fortnite e rischio medico

Un buon punto di partenza sono le informazioni sulla classificazione per età. Nel Regno Unito il Consiglio per gli standard video ha classificato Fortnite come PEGI 12 per scene frequenti di lieve violenza. Ciò significa che è illegale per chiunque abbia meno di 12 anni acquistare il gioco per se stesso.

VSC afferma perché ha assegnato al gioco un punteggio di 12. “La violenza consiste nell’usare qualsiasi arma tu possa trovare o fabbricare per respingere i mostri della Tempesta e salvare i sopravvissuti. Il danno viene inflitto dai numeri e dalle barre della vita e i mostri scompaiono in un lampo viola quando vengono sconfitti.”

Negli Stati Uniti, l’ESRB ha assegnato a Fortnite una valutazione per adolescenti. Questo è equivalente a quelli di età pari o superiore a 13 anni. Simile alla classificazione PEGI, sottolinea che “i giocatori usano pistole, spade e granate per combattere mostri husky in combattimenti a distanza e corpo a corpo. Possono anche essere sconfitti dai giocatori che sconfiggono gli avversari usando varie trappole (ad es. gas velenoso). Le battaglie sono enfatizzate da frequenti colpi di arma da fuoco, esplosioni e grida di dolore “.

Su iOS, Apple valuta anche il gioco come adatto solo a partire dai 12 anni. Insieme alle bandiere per i cartoni animati frequenti / intensi e la violenza fantasy, presenta anche scene di “cure mediche” per gli infortuni.

I genitori devono prestare attenzione a questa linea guida e usarla in modo informato per i propri figli. Il seguente video accoppia queste informazioni con filmati di gioco per mostrare come appare e si comporta nella pratica:

I pericoli online di fortnite

Come con qualsiasi gioco online, i genitori devono fare attenzione a capire con chi stanno interagendo i bambini e quali informazioni specifiche possono essere scambiate. Questa parte del contenuto del gioco è creata da altri giocatori ed è quindi al di fuori delle classificazioni del gioco.

Durante il gioco, i giocatori sentono parolacce (e insulti razzisti come puoi vedere nel video qui sopra) da altri e scambiano messaggi di chat vocale con estranei. Poiché Battle Royale è giocato da centinaia di persone contemporaneamente, la gamma di persone che dovranno affrontare sarà ampia.

Un buon modo per ridurre questi rischi è far giocare i bambini con l’audio della TV in camera familiare in modo che i genitori possano ascoltare la conversazione. Tuttavia, molti giocatori preferiscono utilizzare le cuffie in modo da poter ascoltare i suoni di gioco in modo più accurato e progredire meglio.

Un altro modo per evitare questo rischio è far entrare i bambini nella lobby degli amici che conoscono online prima di giocare. Quindi, nel gioco, possono disattivare l’audio degli altri giocatori mentre comunicano ancora con i loro compagni di squadra.

Costi in-app di Fortnite

Sebbene la parte Battle Royale del gioco Fortnite sia gratuita, ci sono alcuni potenziali costi associati al gioco. Per giocare online su Xbox o PlayStation, tuttavia, non è necessario abbonarsi a Xbox Live Gold o PlayStation Plus.

Il gioco incoraggia i giocatori ad acquistare abiti e mosse per distinguere il proprio personaggio dagli altri nel gioco. Ciò include cose come nuovi vestiti e attrezzature, nonché la capacità di eseguire danze finte specifiche.

Questi elementi sono solo visivi e non influenzano le statistiche del giocatore ma possono essere aumentati. Ad esempio, il Battle pass della Stagione 6 costa circa £ 6,50 – per acquistare i 950 V-Bucks richiesti.

I genitori dovrebbero assicurarsi che le carte di credito per le loro console richiedano una password, per evitare acquisti accidentali effettuati dai bambini che fanno clic.

Rabbia adolescenziale di Fortnite

Nessun genitore vuole vedere il proprio figlio fare i capricci, figuriamoci urlare e lanciare il proprio controller dall’altra parte della stanza. È importante capire perché Fortnite è stato segnalato per causare tale comportamento nei giovani invece di passare alle risposte riflesse.

Come giochi come FIFA o Rocket League, giocare a Fortnite Battle Royale è una sfida estrema per i bambini. Non solo stanno combattendo fino in fondo con altri giocatori, che potrebbero essere più abili o più anziani di loro, ma altri fattori possono scatenarli.

Se la connessione Internet rallenta, il loro carattere potrebbe rimanere indietro rispetto ad altre persone. Se non hanno un buon paio di cuffie, non possono sentire i passi dietro di loro. Oppure, se fossero stati chiamati a cena nel momento sbagliato, l’interruzione avrebbe potuto significare che sarebbero stati uccisi.

Questo è intensificato in Fortnite perché è un’uccisione istantanea e il gioco finisce. A differenza di FIFA o Rocket League, dove puoi combattere per tornare indietro, in Fortnite puoi andare in alto, vincere il round un minuto e morire il prossimo.

I genitori possono aiutarlo facendo in modo che i giocatori si prendano delle pause regolari. Anche avere un interesse per il gioco e quanto sono bravi può fornire a un bambino un modo per esprimere la propria rabbia in altri modi.

Inoltre, vale la pena parlare con tuo figlio di come e quando si fermerà. Certamente, i limiti di tempo di gioco sono salutari. Ma anche capire che una volta iniziata una partita, se si ferma perderà la classifica e deluderà i compagni aiuta.

Alternative meno violente a Fortnite

Per alcuni, in particolare i bambini al di sotto dell’età consigliata, deve sentirsi dire di no quando chiedono di giocare o ottenere il gioco. Tuttavia, è importante che questa non sia la fine della conversazione. I seguenti giochi offrono un’alternativa divertente e divertente a Fortnite fino a quando i bambini non saranno abbastanza grandi.

  • Splatoon 2 (PEGI 7+)
  • Minecraft (PEGI 7+)
  • Roblox (PEGI 7+)
  • Amanti in uno spazio temporale pericoloso (PEGI 7+)
  • Plants vs Zombies: Garden Warfare 2 (PEGI 12+)

Quindi i bambini dovrebbero giocare a Fortnite?

Fortnite è un gioco che offre ai giovani un gran numero di vantaggi. Non solo è molto divertente da giocare, ma può creare uno spazio in cui le amicizie si formano e si espandono, oltre a insegnare il lavoro di squadra, la cooperazione e i riflessi acuti. Ci sono anche molte tattiche coinvolte nel multiplayer online, sia in termini di movimento ma anche nella gestione di armi e posizioni.

Se i genitori comprendono sia i vantaggi che i rischi del gioco, come delineato qui, Fortnite può svolgere un ruolo importante in un tempo libero sano ed equilibrato.

Scritto da Andy Robertson. Montaggio di Max Freeman-Mills.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *