Facebook si allontana dal giornalismo, potenzialmente apre le porte a Twitter

Forse Facebook sta cercando di prendere le distanze da immagini come questa. Immagini SOPA/LightRocket via Gett

Meta ha passato anni ad aggiungere strumenti alle sue piattaforme che hanno aiutato i notiziari a raggiungere un nuovo pubblico. Ma ora ha rimosso la maggior parte di queste funzionalità.

La società ha licenziato David Grant, che gestiva il programma Meta che finanzia il giornalismo locale, e Dorrine Mendoza, che guidava partnership con testate giornalistiche locali. Ha anche licenziato molti gestori di programmi di notizie, che hanno lavorato al controllo dei fatti e allo sviluppo di questi strumenti per i giornalisti.

La metà degli adulti statunitensi riceve le notizie da Facebook ed è la piattaforma con gli utenti più orientati alle notizie, seguita da Twitter e Reddit, secondo il Pew Research Center. Facebook è stato anche criticato per aver mostrato agli utenti informazioni false e notizie che confermano solo le loro opinioni.

Nel 2019, Facebook, di proprietà di Meta, ha promesso 300 milioni di dollari per supportare le notizie locali. Ha lanciato “Facebook News”, che ospitava articoli scritti da terze parti come il Wall Street Journal e la CNN e pagava alcuni editori per contribuire. Presentava anche organi di stampa locali, che hanno contribuito a potenziarne la distribuzione. Ha creato articoli istantanei, che pubblicavano storie esistenti all’interno dell’app di Facebook, in cui gli articoli venivano caricati più velocemente dei siti Web mobili e aumentavano il coinvolgimento dei lettori. Attraverso il Facebook Journalism Project, Meta ha ospitato workshop per giornalisti presso dozzine di editori di notizie locali e ogni punto vendita ha ricevuto una sovvenzione di $ 100.000 per implementare le lezioni apprese.

Ma Meta sembra ritirarsi da questo lavoro cancellando i suoi programmi adiacenti alle notizie. L’anno scorso, la società ha annunciato che avrebbe terminato Instant Articles and Bulletin, il suo servizio di newsletter. Anche questo smetti di pagare Gli editori statunitensi per le loro storie, hanno ribattezzato il loro “News Feed” in “Feed” e hanno annunciato la loro sezione “Top Stories”. curato da algoritmi piuttosto che da persone a partire dal prossimo anno. Il destino del programma di Grant non è chiaro.

Eliminazione e focus sul metaverso

Il nov. 9, Meta ha annunciato che avrebbe licenziato 11.000 persone, ovvero il 13% del suo personale. Gli alti costi di Meta associati alle sue iniziative metaverse significano che sta cercando opportunità per tagliare costi e progetti che non servono ai suoi profitti. Mentre si ritira dalle notizie, la società rafforzerà le sue offerte di video in formato breve che hanno reso TikTok così tanto successo, ha dichiarato in una e-mail Michael Stelzner, fondatore di una società di marketing digitale.

Mark Zuckerberg, CEO di Meta, ha ammesso di aver perso la tendenza dei video in formato breve che ha portato al successo di TikTok. Mentre il miliardo di utenti attivi mensili di TikTok segue ancora i numeri di Facebook e Instagram, Meta sta reagendo con Reels, pagine video modellate su TikTok, su Facebook e Instagram, e incoraggia i creatori a creare contenuti sulle sue piattaforme.

Meta ha rifiutato di commentare la sua decisione di rimanere fuori dalle notizie, ma ha indicato la sua dichiarazione ad Axios il mese scorso. “Attualmente meno del 3% di ciò che le persone in tutto il mondo vedono nel feed di Facebook sono post con collegamenti ad articoli di notizie”, ha detto ad Axios un rappresentante di Meta. “Non ha senso investire eccessivamente in aree che non sono in linea con le preferenze degli utenti”.

L’allontanamento di Meta dal supportare i contenuti delle notizie potrebbe anche ridurre il controllo che ha dovuto affrontare in passato, ha suggerito Stelzner. Le critiche per le politiche di condivisione delle notizie di Meta sono aumentate dopo le elezioni del 2016 in cui Donald Trump è stato eletto presidente. Negli anni successivi sono iniziate le sue iniziative a sostegno della stampa, che sembrano aver contribuito a sanare, anche se di poco, il rapporto di Meta con i mezzi di informazione.

Dove finisce questo Twitter?

Poiché Facebook enfatizza le notizie, potrebbe portare a più utenti su Twitter, che ha il secondo utente più orientato alle notizie, secondo Pew. Ma il futuro di Twitter è in dubbio sotto il nuovo CEO Elon Musk e deve ancora delineare il suo piano di moderazione dei contenuti. Gli inserzionisti stanno uscendo dalla piattaforma e anche alcuni utenti di Twitter.

Tuttavia, “penso che le persone si sposteranno su Twitter come luogo per ottenere le loro notizie”, ha detto Stelzner. “Nonostante gli entusiasmanti cambiamenti in arrivo sulla piattaforma, sarà probabilmente la fonte di notizie per il futuro”.

Il team di comunicazione di Twitter non ha risposto a una richiesta di commento (Musk ha rimosso tutte le persone tranne una dal dipartimento, ha riferito Axios).

Facebook si allontana dal giornalismo, potenzialmente apre le porte a Twitter

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *