india: l’India diventerà la seconda economia mondiale entro il 2050, aggiungendo un trilione di dollari al PIL ogni 12-18 mesi: Gautam Adani

Sabato l’uomo più ricco dell’Asia, Gautam Adani, ha affermato che l’India, che ha impiegato 58 anni per diventare un’economia da mille miliardi di dollari, aggiungerà un importo equivalente al PIL ogni 12-18 mesi e diventerà la seconda economia mondiale entro il 2050. Parlando al 21° Congresso mondiale di Ragionieri qui, ha affermato che le crisi globali consecutive hanno messo in discussione diversi presupposti, tra cui che la Cina dovrebbe adottare i principi democratici occidentali, i principi secolari sono universali, l’UE rimarrà unita e la Russia sarà costretta ad accettare un ruolo internazionale ridotto . .

“Questa crisi multilivello ha infranto il mito di un mondo unipolare o bipolare di superpotenze che possono intervenire e stabilizzare gli ambienti globali”, ha affermato.

“A mio avviso – in questo mondo multipolare emergente – le superpotenze devono essere quelle che hanno la responsabilità di intervenire e aiutare gli altri in una crisi e non costringere altri paesi alla sottomissione, quelli che mantengono l’umanità come principio operativo di base. ”

Una superpotenza, ha detto, deve anche essere una democrazia in via di sviluppo e crede ancora che “non esista uno stile coerente di democrazia”. “Lo stile del capitalismo che spinge la crescita per amore della crescita e ignora il tessuto sociale di una società, merita la sua più grande spinta mai vista”, ha detto.

Adani, 60 anni, ha detto che le basi della crescita dell’economia indiana potrebbero essere state rilevanti e che il governo di maggioranza ha dato al paese la capacità di avviare alcune riforme strutturali nel sistema politico e amministrativo.

“Ci sono voluti 58 anni per arrivare al nostro primo trilione di dollari di PIL, 12 anni per arrivare al prossimo trilione e solo cinque anni per il terzo trilione.

“Data la velocità con cui il governo sta intraprendendo così tante riforme sociali ed economiche simultanee, mi aspetto che nel prossimo decennio l’India inizi ad aggiungere un trilione di dollari al suo PIL ogni 12-18 mesi – e quindi saremo sulla buona strada diventare un’economia da 30 trilioni di dollari entro il 2050 e con una capitalizzazione di borsa che potrebbe superare i 45 trilioni di dollari”, ha affermato.

L’India è attualmente la quinta economia più grande del mondo con un prodotto interno lordo (GPD) di 3,5 trilioni di dollari. In confronto, gli Stati Uniti sono un’economia da 23 trilioni di dollari con una capitalizzazione di borsa che va dai 45 ai 50 trilioni di dollari.

“Un paese, schiacciato e prosciugato dai suoi governanti coloniali, si trova ora sulla cuspide di uno sviluppo straordinario e l’unico grande paese sulla strada per emergere come un paese ad alto reddito senza compromettere la democrazia e la diversità – questo è diverso”, ha detto. .

“Prima del 2030, saremo la terza più grande economia del mondo e, quindi, la seconda più grande economia del mondo entro il 2050”.

A parità di potere d’acquisto (PPP), la quota dell’India sul PIL globale sarà superiore al 20% entro il 2050.

“La storia di successo dell’India nel combinare crescita economica e democrazia non ha eguali. Se mai c’è stato un momento per essere indiani, essere in India e socializzare con l’India, è adesso. Le basi per costruire una nuova India forte sono state gettate”, ha affermato. disse.

Adani vede l’età media dell’India a soli 38 anni nel 2050, una popolazione di 1,6 miliardi con un reddito pro capite di 16.000 dollari, oltre il 700% in più rispetto all’attuale reddito pro capite.

Gli IDE toccheranno i mille miliardi di dollari, segno di una maggiore fiducia globale nell’India.

“Nel 2021, l’India ha aggiunto un unicorno ogni 9 giorni. Ha condotto il maggior numero di transazioni finanziarie in tempo reale al mondo: l’incredibile cifra di 48 miliardi. Questo è 6 volte maggiore rispetto a Stati Uniti, Canada, Francia e Germania messi insieme”. Egli ha detto. l’aggiunta di quest’anno di finanziamenti VC supererà i 50 miliardi di dollari, un’accelerazione di 50 volte in 8 anni.

Adani, il cui conglomerato portuale per l’energia sta investendo 70 miliardi di dollari nel prossimo decennio in una nuova catena del valore energetico, afferma che l’India potrebbe diventare un esportatore netto di energia verde entro il 2050.

“Poiché sia ​​le aziende nazionali che le multinazionali traggono vantaggio dalle dimensioni del mercato indiano, avremo bisogno di un mandato più forte in cui le aziende siano costrette ad affrontare la sfida di abilitare una struttura sociale che riconosca il nucleo della nostra cultura e allineata con le nostre esigenze nazionali ,” Egli ha detto.

“L’India non può essere vista solo come una terra per ‘fare ed estrarre’ profitti dai suoi confini geografici. Per questo dico che le superpotenze nel mondo multipolare devono essere riconosciute come non hanno una dimensione unica di democrazia che vada bene per tutti”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *