L’economia del Regno Unito è “condannata” ora se i conservatori non ammettono l’errore della Brexit, affermano importanti uomini d’affari

//= do_shortcode(‘[in-content-square]’)?>

Foto di Guy Hands di historyoftheaic (CC BY-SA 4.0).

Il presidente e chief investment officer di una delle più grandi società di private equity del Regno Unito, afferma che l’economia del Regno Unito è “condannata” a meno che il governo del Regno Unito non cambi rotta.

Guy Hands di Terra Firma ha detto che i conservatori hanno messo il Regno Unito sulla strada per diventare “il malato d’Europa” e che la povertà avrebbe colpito “l’intera società”.

Parlando su BBC Radio 4 In data odierna programma, gli è stato chiesto se il Tory Party fosse in grado di gestire il paese e attrarre investimenti nel Regno Unito.

Lui rispose: “No, per essere un po’ noioso. Penso che dovrebbe passare dal combattere le proprie guerre interne e concentrarsi effettivamente su ciò che deve essere fatto con l’economia e ammettere alcuni degli errori che hanno commesso negli ultimi sei anni, che, in realtà, ha messo in questo paese . un percorso per diventare un malato in Europa”.

Ha aggiunto: “Il fatto è che, quando hanno fatto la Brexit, avevano un sogno, e il sogno era un’economia a basse tasse e a basso reddito.

“(Liz) Truss, per essere onesti con lei, ci hai provato. Questo chiaramente non è qualcosa di accettabile per gli inglesi: gli inglesi non hanno mai votato, né mostrato alcuna inclinazione a votare, per il tipo di thatcherismo estremo richiesto dalla Brexit.

“Una volta che accetti che non puoi davvero farlo, allora la Brexit così com’è è assolutamente senza speranza e spingerà solo la Gran Bretagna in uno stato economico disastroso.

“Quindi, penso, se il partito Tory può ammettere gli errori che ha commesso nel modo in cui ha negoziato la Brexit e ha qualcuno che lo guida che ha davvero la capacità intellettuale e l’autorità per rinegoziare con la Brexit, c’è la possibilità di trasformare l’economia intorno. , ma senza quello, l’economia è, francamente, condannata.

‘intera società’

Ha avvertito del peggioramento delle condizioni economiche e della diffusione della povertà “in tutta la società”.

Il Regno Unito potrebbe affrontare “tasse in continuo aumento, continui tagli ai sussidi e ai servizi sociali, tassi di interesse più elevati e infine la necessità di un salvataggio da parte del FMI come negli anni ’70”, ha affermato.

“Penso che la verità sia che, se sei un imprenditore, devi parlare positivamente”, ha detto.

“Direi che il 70% dei miei investimenti è nel Regno Unito e devo cercare di essere positivo dal punto di vista commerciale, ma, da un punto di vista onesto, e in termini di ciò che effettivamente vedo lì, il crescenti livelli di povertà nel Regno Unito, ed è una povertà che sta aumentando a livello dell’economia.

“Non è solo il 17% dei bambini che ora soffre di malnutrizione nel Regno Unito, sono le persone della classe media che non possono pagare i mutui quando si trasferiscono che stanno lottando per sopravvivere, e si sta solo spostando nella società”.

Contrazioni

La recessione economica del Regno Unito è peggiorata a ottobre, con la crescita del settore privato che è rallentata al minimo di 21 mesi, secondo i nuovi dati.

La produzione è diminuita per il terzo mese consecutivo dopo un periodo di disordini politici che hanno trascinato al ribasso i mercati finanziari.

L’influente S&P Global/CIPS Flash UK Composite Purchase Manager Index (PMI) ha mostrato una lettura di 47,2 in ottobre, in calo rispetto alla lettura di 49,1 di settembre.

Inoltre, non ha raggiunto il consenso di mercato di 48,0, sebbene gli analisti di Pantheon Economics abbiano previsto un PMI più accurato di 47,0 che riflette l’incertezza politica ed economica che sta mettendo a dura prova le imprese del settore privato.

Qualsiasi punteggio inferiore a 50 è considerato una contrazione per l’economia, mentre qualsiasi punteggio superiore è visto come una crescita.

L’indice ha mostrato che c’è stato un forte calo della produzione in ottobre poiché i produttori hanno continuato a fare i conti con la carenza di offerta e un rallentamento della domanda.

Nel frattempo, l’attività commerciale nel settore dei servizi, che comprende l’ospitalità come ristoranti e pub, è diminuita per la prima volta in 20 mesi e al ritmo più veloce da gennaio 2021.

Il sondaggio chiede a migliaia di aziende il loro trading ogni mese ed è attentamente monitorato in tutto il mondo.

I bilanci delle famiglie tesi, i timori di recessione e le decisioni di investimento delle imprese ritardate a causa dell’incertezza politica sono stati tutti citati come fattori che hanno portato alla diminuzione della produzione questo mese.

CIPS ha affermato che il calo non è stato “una grande sorpresa” poiché le aziende erano preoccupate per la politica, l’aumento dei tassi di interesse e i costi storicamente elevati.

Di conseguenza, i livelli di ottimismo tra i produttori e nel settore dei servizi sono scesi ai minimi di due anni e mezzo.

‘sicuro di cadere’

Chris Williamson, capo economista aziendale di S&P Global Market Intelligence, ha affermato che escludendo il periodo dei blocchi Covid, l’indice è stato il più basso da marzo 2009.

Ha detto: “I dati PMI flash di ottobre hanno mostrato il ritmo del rallentamento economico che ha preso slancio dopo le recenti turbolenze politiche e finanziarie.

“La crescente incertezza politica ed economica ha causato un calo dell’attività imprenditoriale a un ritmo che non si vedeva dalla crisi finanziaria globale del 2009 senza i mesi di lockdown dovuti alla pandemia.

“Pertanto, il prodotto interno lordo (PIL) sembra destinato a diminuire nel quarto trimestre dopo una probabile contrazione nel terzo trimestre, il che significa che il Regno Unito è in recessione.

“Nel frattempo, la fiducia delle imprese è diminuita, scendendo a un livello raramente visto nei 25 anni di storia del sondaggio, il che significa che le aziende sono sempre più nervose per le prospettive”.

L’assunzione di personale è stata salutata come un “punto luminoso” in ottobre, poiché il numero di posti di lavoro è stato aumentato dai piani di ripresa post-pandemia delle aziende.

Tuttavia, il tasso di creazione di posti di lavoro nel settore privato è stato il più lento in 20 mesi, ha rivelato l’indagine.


Sostieni la nostra città oggi

Per prezzo di una tazzina di caffè in un mese puoi aiutarci a creare un servizio di notizie nazionale indipendente e senza scopo di lucro per il popolo del Galles, del popolo del Galles.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *