Fifa e Qatar in trattative urgenti dopo la confisca dei cappelli arcobaleno del Galles | Coppa del Mondo 2022

Le autorità stanno indagando con urgenza sugli incidenti che hanno coinvolto il personale della Federcalcio gallese e i tifosi del Galles che hanno confiscato cappelli color arcobaleno prima della partita di apertura del Gruppo B contro gli Stati Uniti.

La Fifa e il Qatar hanno tenuto colloqui sulla questione martedì, con la FIFA che ha ricordato ai padroni di casa le assicurazioni pre-torneo che tutti sono i benvenuti e che saranno consentite le bandiere arcobaleno.

The Guardian comprende anche che la FIFA è profondamente preoccupata per una serie di incidenti che circondano la partita, tra cui il personale della FA gallese e i tifosi che devono affrontare la sicurezza per aver portato cappelli nello stadio Ahmad bin Ali e un tifoso statunitense con la bandiera arcobaleno rivolta verso il metro. Il Comitato supremo del Qatar dovrebbe rilasciare una dichiarazione nelle prossime 24 ore.

This is a World Cup like no other. For the last 12 years the Guardian has been reporting on the issues surrounding Qatar 2022, from corruption and human rights abuses to the treatment of migrant workers and discriminatory laws. The best of our journalism is gathered on our dedicated Qatar: Beyond the Football home page for those who want to go deeper into the issues beyond the pitch.

Guardian reporting goes far beyond what happens on the pitch. Support our investigative journalism today.

“,”image”:”https://i.guim.co.uk/img/media/13fe42413e819fcefe460ac92e24955d42f3dcf6/0_132_6496_3898/6496.jpg?width=620&quality=85&auto=format&fit=max&s=533ca84411fd0ca1cbe928bd194d22b2″,”credit”:”Photograph: Tom Jenkins”,”pillar”:2}”>

Guida veloce

Qatar: oltre il calcio

mostrare

Questa è una Coppa del Mondo come nessun’altra. Negli ultimi 12 anni, il Guardian ha riferito di questioni relative al Qatar 2022, dalla corruzione e violazioni dei diritti umani al trattamento dei lavoratori migranti e leggi discriminatorie. Il meglio del nostro giornalismo è raccolto nella nostra home page dedicata a Qatar: Beyond the Football per coloro che vogliono approfondire questioni oltre il campo.

La denuncia degli accompagnatori è qualcosa di più di ciò che accade sul campo. Sostieni il nostro giornalismo investigativo oggi.

Grazie per il tuo feedback.

Il FAW ha rilasciato una dichiarazione in cui esprime il proprio disappunto. “Lunedì, Cymru è tornato ai Mondiali per la prima volta in 64 anni, un momento storico per la squadra, i tifosi stimati – The Red Wall/Y Wal Goch – e il paese.

“Tuttavia, il FAW è profondamente deluso dalle notizie secondo cui ai membri di Y Wal Goch, che include lo staff del FAW, è stato chiesto di togliersi e lanciare i loro cappelli al Rainbow Wall prima di entrare nello stadio Ahmad Bin Ali. Questi cappelli a secchiello sono stati creati in collaborazione con FAW.

“Il FAW ha raccolto informazioni su questi presunti incidenti e affronterà la questione direttamente con la FIFA”.

Tra i presenti c’era l’ex giocatrice del Galles, la prof.

“Ho sottolineato che la FIFA ha fatto molti commenti sul sostegno ai diritti LGBT in questo torneo e ho detto loro che provenendo da un paese in cui siamo molto appassionati dell’uguaglianza per tutte le persone, no mi toglierò il cappello”, ha detto McAllister, professore di politica pubblica all’Università di Cardiff. “Hanno insistito sul fatto che, a meno che non mi fossi tolto il cappello, non avremmo potuto entrare nello stadio”.

Altri hanno dovuto rinunciare ai loro cappelli. The Rainbow Wall, un gruppo di fan gallesi LGBTQ+, ha dichiarato su Twitter: “Non i ragazzi, solo le ragazze. @FIFAcom SEI SUL SERIO!!”

Il giornalista statunitense Grant Wahl in precedenza aveva affermato di essere stato arrestato dal personale di sicurezza dopo aver indossato una maglia arcobaleno durante la partita. Una guardia di sicurezza le ha detto che la stavano proteggendo dai fan all’interno che avrebbero potuto attaccarla per averlo indossato.

È stato anche riferito che un tifoso statunitense è stato minacciato sulla metropolitana che si recava allo stadio per aver portato una piccola bandiera arcobaleno – con l’aggressore che minacciava di “uccidere” l’uomo perché “quella bandiera è vietata in questo paese”. .

La scorsa settimana, Gerdine Lindhout, responsabile del marketing e della promozione esperienziale della FIFA, ha promesso che i fan LGBTQ+ sarebbero stati al sicuro. Quando gli è stato chiesto quale sarebbe stato il suo messaggio per coloro che vogliono portare le bandiere arcobaleno al festival dei fan, ha sorriso. “Provaci,” disse. “Questo evento è incentrato sulla celebrazione.”

Nel frattempo, i problemi con l’app di biglietteria della Fifa, che hanno portato centinaia di tifosi inglesi a perdere l’inizio della loro vittoria per 6-2 contro l’Iran, devono ancora essere risolti.

Diversi fan si sono messi in fila per i biglietti cartacei in un centro congressi di Doha dopo essersi resi conto che, essendosi disconnessi dalla loro app nelle 24 ore precedenti, non potevano più accedervi. Resta inteso che questi problemi erano ancora in fase di elaborazione martedì.

I tifosi del Galles reagiscono alla loro prima partita di Coppa del Mondo in 64 anni – video

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *