Spiegazione: l’impatto del tetto massimo del prezzo del petrolio russo, il divieto sull’economia globale

I governi occidentali mirano a limitare il prezzo delle esportazioni di petrolio russo nel tentativo di limitare le entrate dei combustibili fossili che sostengono il bilancio di Mosca, le sue forze armate e l’invasione dell’Ucraina.

Il limite entrerà in vigore il 5 dicembre, lo stesso giorno in cui l’Unione europea attuerà il boicottaggio della maggior parte del suo petrolio russo trasportato via mare. L’UE sta ancora negoziando quale dovrebbe essere il prezzo massimo.

Le due mosse potrebbero avere un impatto incerto sui prezzi del petrolio poiché le preoccupazioni per la perdita di offerta a causa del boicottaggio competono con i timori di una domanda inferiore a causa di un rallentamento economico globale.

Ecco i fatti chiave sul prezzo massimo, l’embargo dell’UE e cosa potrebbe significare per i consumatori e l’economia globale:

CHE COS’È UN PRICE CAP E COME FUNZIONA?

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha proposto il limite ad altri alleati del Gruppo dei 7 come un modo per limitare le entrate russe mantenendo il petrolio russo che scorre nell’economia globale. L’obiettivo è danneggiare le finanze di Mosca evitando un forte aumento dei prezzi del petrolio se il petrolio russo viene improvvisamente ritirato dal mercato mondiale.

Le compagnie di assicurazione e altre società che hanno bisogno di spedire petrolio possono permettersi il greggio russo solo se i prezzi del petrolio sono pari o inferiori al cap. La maggior parte degli assicuratori ha sede nell’UE o nel Regno Unito e potrebbe essere tenuta a partecipare al massimale. Senza assicurazione, i proprietari di petroliere potrebbero essere riluttanti ad assumere petrolio russo e incontrare ostacoli nella sua consegna.

COME CONTINUA A FRUIRE IL PETROLIO NELL’ECONOMIA GLOBALE?

L’applicazione universale del divieto di assicurazione, imposto dall’UE e dal Regno Unito nei precedenti round di sanzioni, potrebbe togliere dal mercato così tanto greggio russo che i prezzi del petrolio aumenterebbero, le economie occidentali ne risentirebbero e la Russia vedrà un aumento delle entrate da qualsiasi petrolio potersi permettere. nave in violazione dell’embargo.

Russia, il n. Secondo produttore di petrolio al mondo, ha spostato la maggior parte della sua fornitura in India, Cina e altri paesi asiatici a prezzi scontati dopo che i clienti occidentali l’hanno evitato anche prima del divieto dell’UE.

Uno degli obiettivi del limite è quello di fornire un quadro legale per consentire il flusso di petrolio russo per continuare e per ridurre i profitti inaspettati per la Russia allo stesso tempo, ha affermato Claudio Galimberti, vicepresidente senior della ricerca presso Rystad Energy.

“È molto importante per i mercati globali del petrolio greggio che il petrolio russo trovi ancora mercati per vendere, dopo l’entrata in vigore del divieto dell’UE”, ha aggiunto. Senza questo, i prezzi globali del petrolio aumenterebbero.

CHE EFFETTO SARANNO I DIVERSI LIVELLI DELLA PAC?

Un tetto compreso tra 65 e 70 dollari al barile potrebbe consentire alla Russia di continuare a vendere petrolio mantenendo i suoi profitti ai livelli attuali. Il petrolio russo viene scambiato a circa 63 dollari al barile, un forte sconto rispetto al benchmark internazionale Brent.

Un limite inferiore di circa 50 dollari al barile renderebbe più difficile per la Russia bilanciare il proprio bilancio statale, con Mosca che si ritiene abbia bisogno di circa 60-70 dollari al barile per farlo, il cosiddetto pareggio fiscale.

Tuttavia, quel limite di 50 dollari è ancora ben al di sopra del costo di produzione della Russia, compreso tra 30 e 40 dollari al barile, dando a Mosca un incentivo a continuare a vendere petrolio solo per evitare il limite dei pozzi che potrebbe essere difficile da riavviare.

E SE LA RUSSIA E GLI ALTRI PAESI NON SI UNISCONO?

Il russo ha dichiarato che non rispetterà il limite e interromperà le consegne ai paesi produttori. Un limite inferiore di circa 50 USD potrebbe avere maggiori probabilità di provocare tale risposta, oppure la Russia potrebbe interrompere le sue ultime forniture di gas naturale all’Europa.

La Cina e l’India potrebbero non essere d’accordo con il limite, mentre la Cina potrebbe formare le proprie compagnie assicurative per sostituire quelle vietate da Stati Uniti, Regno Unito ed Europa.

Galimberti ha affermato che la Cina e l’India godono già di petrolio scontato e potrebbero non voler isolare la Russia.

La Cina e l’India ottengono il greggio russo con un enorme sconto rispetto al Brent, quindi non hanno bisogno di un prezzo massimo per continuare a godere dello sconto, ha affermato. Seguendo il limite fissato dal G-7, rischiano di isolare la Russia. Di conseguenza, riteniamo che il rispetto del price cap non sarà elevato.

La Russia potrebbe anche ricorrere a schemi come il trasferimento di petrolio da una nave all’altra per nascondere le sue origini e mescolare il suo petrolio con altri tipi per evitare il divieto.

Quindi resta da vedere quale effetto avrà il tappo.

E L’EMBARGO DELL’UE?

L’impatto maggiore dell’embargo dell’UE potrebbe non arrivare il 5 dicembre, quando l’Europa trova nuovi fornitori e i barili russi vengono spostati, ma il 5 febbraio, quando entrerà in vigore l’ulteriore divieto europeo sui prodotti di raffinazione a base di petrolio come il gasolio.

L’Europa dovrà rivolgersi a forniture alternative provenienti da Stati Uniti, Medio Oriente e India. Ci sarà una carenza, e questo si tradurrà in prezzi molto alti, ha detto Galimberti.

L’Europa ha ancora molte auto alimentate a diesel. Il carburante viene utilizzato anche per il trasporto su camion per fornire una vasta gamma di merci ai consumatori e per far funzionare macchine agricole in modo che i costi più elevati siano distribuiti in tutta l’economia.

(Solo il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati riprodotti dallo staff di Business Standard; il resto del contenuto è stato generato automaticamente da un feed distribuito).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *